Scopri cosa ti aspetta!

ACCEDI | REGISTRATI

Semi di Lino

0
scritto da Rox
27/04/2011
0
salva tra i preferiti

La pianta del lino veniva coltivata a Babilonia già 3000 anni prima della venuta di Cristo e, sembra addirittura che Carlo Magno, dopo essere stato affascinato dalle proprietà benefiche dei suoi semi, decise di promulgare una legge per obbligare i suoi sudditi a farne regolare consumo. 
Non a caso, i semi di lino, sono considerati da alcuni uno degli alimenti più preziosi al mondo, in termini di benefici per la nostra salute infatti già in epoche antiche la pianta veniva utilizzata per curare infiammazioni "interne ed esterne", disturbi intestinali, tosse ecc. La loro ricchezza in termini terapeutici deriva dal fatto che sono semi oleosi e in quanto tali ricchi di sostanze benefiche, dalle vitamine alle proteine ai minerali agli antiossidanti a principi anticancerogeni.


Secondo i ricercatori dell'Università del Texas, ai fini di combattere e prevenire il tumore alla prostata, è utile aggiungere i semi di lino alle insalate, ai succhi di frutta, nel pane e nello yogurt.
E poi, è ottimo per le nostre ricette di bellezza.

Infatti, dai semi di lino si può estrarre un gel adatto alla cura del viso e dei capelli! Massaggi con l'olio di semi di lino sono efficaci in caso di pelle secca, irritata e pruriginosa. Svolgendo un'azione emolliente sull'epidermide, l'olio diminuisce infiammazioni, attenua il dolore e ridona elasticità e tono alla pelle. Mentre in particolare hanno effetto sui capelli rovinati, sfibrati, stressati, sui quali agiscono come rafforzatori, ristrutturanti, nutrienti ed è anche utili per contrastare le doppie punte. Al termine del trattamento, quando il capello si è ripreso in termini di salute ed equilibrio, l’olio di semi di lino agisce come lucidante, intervenendo sulla lucentezza della chioma ormai sana. 


Le sue proprietà ristrutturanti sono dovute alla sua particolare composizione in acidi grassi che vede un’elevata presenza di Acido Linoleico che aiuta l’idratazione dei capelli regolando la perdita di acqua e Acido Alpha Linoleico che ne mantiene l’elasticità e la resistenza. Questi si dicono acidi grassi “essenziali” perchè, nonostante il loro vitale bisogno, il nostro organismo non è in grado di produrli.


L’olio di lino, così come altri oli vegetali, quindi può essere davvero utilissimo per la nostra salute e bellezza. Ad una condizione però: che sia effettivamente “naturale” cioè non privato delle sue proprietà da metodi di estrazione e di lavorazione aggressivi, che rendono il prodotto privo di principi attivi (acidi grassi essenziali e vitamina E) e quindi senza alcun effetto curativo.

Le caratteristiche per un’olio di lino di buona qualità sono fondamentalmente tre:

  • Essere extravergine, cioè ottenuto con procedimenti meccanici, senza ricercatezza industriale o additivi chimici.
  • Essere ottenuto per pressione a freddo, quindi senza che i residui siano stati riscaldati degradando i principi attivi.
  • Essere biologico, cioè senza alcun fertilizzante nella coltivazione. 


Come si fa:

In genere il quantitativo da usare è 50 gr di semi di lino per mezzo litro d'acqua. Si lasciano i semini a macerare a freddo per qualche minuto e poi si cuociono a fuoco lento per una decina di minuti al massimo, a seconda di quanto lo si vuole denso o liquido (si cuoce meno per averlo liquido).
Filtrando il tutto, otterrete un gel (da conservare in freezer, se no va a male) che potrete utilizzare come fissante per ricci, come maschere per capelli o per il viso.
E cosa più importante: costa POCHISSIMO.

 

Potrebbero Interessarti

Commenti: 0
Condividi:
Per commentare il prodotto devi essere registrato.
Accedi o Registrati e prendi parte alle discussioni della nostra community!

Search Box

Daily Makeup

"Le tonalità chiare di ombretto fanno risaltare gli occhi e li fanno apparire più grandi."

Dalla Community